[an error occurred while processing this directive] DISI
Home | Search | Help  
Home Page Università di Genova

Laboratori Didattici DISI

Regolamento per l'accesso degli studenti

Ultima modifica: 30 Settembre 2002


Indice




Premessa

L'accesso ai laboratori didattici del DISI é consentito a tutti gli studenti iscritti ai corsi di Laurea e di Diploma in Informatica presso l'Università di Genova, oltre che ai docenti di tali corsi di laurea e di diploma, a tutto il personale del DISI, agli iscritti al corso di Dottorato di Ricerca in Informatica, ai borsisti, collaboratori esterni e ospiti del DISI per esigenze legate alla didattica.

Ogni studente iscritto ai corsi di Laurea e di Diploma, così come ogni altro utente autorizzato, riceverà un account individuale per l'accesso alle macchine del laboratorio, previa sottoscrizione di una dichiarazione di assunzione di responsabilità individuale per eventuali usi illeciti dei sistemi. Gli account individuali consentiranno a ciascun studente di accedere a tutte le informazioni legate all'attività didattica e di ricerca promossa dal DISI, e mantenute nel server Web locale (programmi dei corsi, materiale didattico in forma elettronica, annunci di seminari, ecc.). Gli account individuali verranno anche usati per l'attività guidata di laboratorio, per i progetti legati ai corsi e per lo svolgimento delle tesi di Laurea.

Assegnazione degli Account Individuali

Gli account individuali verranno creati automaticamente per ogni studente immatricolato ai corsi di Laurea o di Diploma, senza bisogno di esplicita richiesta. Dopo l'immatricolazione lo studente dovrà presentarsi quanto prima per l'assegnazione dell'account (nell'orario appositamente stabilito) in modo da poter accedere alle informazioni sotto forma elettronica per i corsi di Laurea e di Diploma. Sarà cura dell'utente utilizzare gli appositi strumenti forniti per inserire nel sistema tutte le informazioni richieste per l'attivazione dell'account (nome, indirizzo, recapito telefonico, ecc.).

L'account dovrà essere confermato di anno in anno previa esibizione della ricevuta di pagamento delle tasse di iscrizione e di laboratorio.

Ad ogni account verrà associato una parola chiave (password) che impedisce l'accesso alle risorse dell'utente a chiunque non ne sia a conoscenza. Sarà cura di ogni utente del sistema la scelta di una password impossibile da "indovinare" per chiunque altro e il suo mantenimento rigorosamente riservato. Account con password "facili da indovinare" (come per esempio il nome dell'utente, quello del suo coniuge o amico/a del cuore, il numero di telefono, ecc.) costituiscono un pericolo per la sicurezza dell'intero sistema, non solo per la riservatezza dell'account stesso. Sarà anche cura di ogni studente non lasciare mai attivata una connessione al proprio account individuale su una macchina accessibile da altri, o peggio ancora consentire ad altri l'accesso al proprio account in quanto anche durante una breve assenza qualcuno potrebbe cambiare la parola chiave di accesso o installare dei programmi per "spiare" la parola chiave.

La parola chiave generata casualmente e associata al singolo account verrà consegnata da un tecnico responsabile del laboratorio all'utente richiedente, previa esibizione di un documento di identitˆ e del numero di matricola. L'utente, secondo una procedura standard, sarà vincolato al cambio di password all'avvio del primo tentativo di logon sul sistema.

Contestualmente alla assegnazione dell'account lo studente dovrà firmare la dichiarazione di assunzione di responsabilità personale riportata in allegato al presente regolamento. Con la firma di tale documento l'utente si assume ogni responsabilità civile e penale per l'uso corretto delle risorse che gli verranno assegnate. Egli verrà ritenuto personalmente responsabile per qualsiasi uso improprio o fraudolento dei mezzi e materiali messi a disposizione effettuato tramite il proprio account personale.

Uso degli Account Individuali

Ad ogni account personale sono associati dei "privilegi" di accesso alle risorse. In particolare, per il primo biennio dei corsi di Laurea e Diploma in Informatica, essi comprendono l'accesso ai computer del laboratorio denominato SW-1 secondo le modalità e gli orari pubblicizzati, l'accesso al server Web didattico del DISI, la possibilità di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica, la possibilità di stampare file sulle stampanti di laboratorio fino ad esaurimento di una quota annuale di pagine predeterminata, e la possibilità di memorizzare informazioni sul server didattico DISI fino ad una quota massima a persona prestabilita dalla commissione mezzi di calcolo.

Per gli studenti del terzo anno di Diploma e del triennio di Laurea i privilegi verranno ampliati in modo da comprendere l'accesso al laboratorio denominato SW-2 ed ai laboratori specialistici eventualmente associati a corsi avanzati.

Ai tesisti potranno essere concessi privilegi aggiuntivi (maggiori quote disco, accessi di rete verso l'esterno, ecc.) previo esame da parte della commissione mezzi di calcolo di apposita e motivata domanda su apposito modulo predisposto, controfirmata dal relatore di tesi. I tesisti potranno in oltre fruire delle attrezzature messe a disposizione nella sala laureandi del DISI per attività di scrittura e formattazione di testi.

Ogni tentativo da parte dello studente di accedere senza esplicita autorizzazione dei responsabili del laboratorio a risorse non contemplate tra i privilegi del proprio account personale (accessi di rete esterni, uso di computer riservati ad altri scopi, ecc.) verrà ostacolato mediante opportune contromisure tecniche preventive e, qualora dovesse avere successo, perseguito in sede disciplinare.

L'account e tutti i servizi relativi sono ad esclusivo uso didattico; gli usi impropri verranno ostacolati e perseguiti in sede disciplinare o, quando sia il caso, tramite azione legale.

Azioni quali: copiare materiale protetto da copyright, carpire password, accedere a file e/o posta altrui, modificare messaggi di altri utenti e/o inviarli sotto falso nome, e simili, si possono configurare come reati penali secondo quanto previsto da L. n. 633 del 22/4/41, D.L. n. 518 del 29/12/92, D.L. n. 169 del 6/5/99, L. n. 248 del 18/8/2000 e dagli articoli 615, 617, 640 et al. del Codice Penale. Per questo motivo, ogni dipendente DISI (inclusi dunque i tecnici) che rilevi azioni di questo tipo è obbligato a segnalarle al direttore del DISI, che, a sua volta, è obbligato alla denuncia all'autoritˆ giudiziaria (art. 331 del Codice Penale).

Esercitazioni

I corsi che prevedono esercitazioni di laboratorio suddivise in gruppi di due o più studenti cooperanti alla realizzazione di un unico progetto verranno organizzati mediante l'attivazione di gruppi di laboratorio basati sugli account individuali degli studenti. Sarà cura del docente responsabile dell'esercitazione di comunicare ai tecnici la composizione dei gruppi sotto forma elettronica manipolabile automaticamente per la creazione e la disattivazione delle definizioni dei gruppi. Ogni studente potrà quindi accedere con il proprio account personale ad aree dati sul server DISI condivise con gli altri membri dello stesso gruppo, dove memorizzare programmi, dati e relazioni durante lo sviluppo del progetto.

Le quote di memoria e le eventuali risorse aggiuntive per lo svolgimento dei progetti legati ai corsi verranno determinate dalla commissione "mezzi di calcolo" del DISI in collaborazione e su proposta dei docenti interessati all'esercitazione. L'accesso di gruppo alle aree di memoria condivise cesserà alla consegna delle relazioni di laboratorio o allo scadere del termine di consegna prefissato dal docente (e preventivamente concordato da questi con la commissione mezzi di calcolo).

Uso responsabile delle risorse

L'uso delle risorse di consumo o di calcolo messe a disposizione dal DISI dovrà essere sempre improntato al criterio di una utilizzazione corretta ed oculata. Le risorse disponibili devono essere necessariamente condivise con altri utenti e non possono essere monopolizzate o sprecate senza motivo. Il finanziamento dei laboratori avviene mediante l'utilizzazione da parte del DISI dei contributi di laboratorio pagati dagli studenti (oltre ad una minima quota di dotazione fornita dall'Università), quindi chi spreca risorse senza motivo danneggia se stesso e gli altri studenti afferenti alla struttura.

In caso di necessità si prevede l'adozione di turni e di meccanismi di prenotazione per l'accesso alle macchine del laboratorio col duplice scopo di ottimizzare l'uso dei sistemi e di consentire una equa condivisione degli stessi da parte di tutti gli studenti in relazione alle loro diverse esigenze didattiche.

Sulle risorse legate alla utilizzazione di materiali di consumo costosi (stampe su carta, ecc.) verranno poste delle quote massime di utilizzazione in modo da impedire che l'abuso da parte di pochi possa danneggiare molti (Quote Stampa, aggiornato al 29 marzo 2004). L'assegnazione di una quota massima "privata" a ciascuno non deve tuttavia stimolare lo spreco (" ... stampo anche questo, tanto non ho ancora raggiunto la mia quota ...").

Si lascia alla responsabilità ed al buon senso di tutti gli utenti di sfruttare le possibilità che vengono offerte solo nella misura in cui ciò é effettivamente utile per lo svolgimento delle attività didattiche e per il proprio arricchimento culturale. Il DISI é da sempre impegnato a cercare di utilizzare al meglio le scarse risorse finanziarie a disposizione: un risparmio sulle spese di funzionamento e di consumo permette di dedicare una maggior quota di risorse al potenziamento ed aggiornamento degli strumenti di laboratorio. Ciascun utente dovrebbe quindi sentirsi moralmente impegnato anche ad intervenire qualora notasse eventuali sprechi o cattive utilizzazioni da parte di altri utenti.

Accesso ai laboratori da parte degli studenti

L'accesso ai laboratori da parte degli studenti potrà avvenire secondo gli orari di apertura pubblicizzati. Al di fuori di tali orari l'accesso ai laboratori é tassativamente proibito agli studenti, ed i locali verranno protetti contro violazioni di accesso mediante l'attivazione di segnalazioni di allarme.

L'accesso ai locali sarà consentito solo agli studenti in possesso di account personale e l'utilizzazione delle apparecchiature è consentita solo a scopi didattici; i tecnici hanno il compito di verificare che ci sia corrispondenza tra l'account in uso e la persona che lo sta utilizzando e che l'utilizzo sia del tipo previsto.

In particolare nei locali adibiti a laboratori didattici é vietato consumare cibi o bevande, organizzare giochi individuali o collettivi, occupare postazioni di lavoro per attività che non richiedano l'uso delle apparecchiature.

É altresì vietato aprire, manomettere in qualsiasi modo o asportare apparecchiature dai locali di laboratorio.

In casi di furto di apparecchiature o materiali di consumo dai locali adibiti a laboratorio la direzione del DISI si riserva di mettere in atto ulteriori opportune forme di controllo dell'identità dei presenti e di limitazione degli accessi.

Consulenze, guasti, anomalie e manutenzione

Ogni guasto o anomalia di funzionamento delle apparecchiature dovranno essere prontamente segnalati ai tecnici responsabili della gestione e manutenzione dei laboratori da parte degli utenti.

Compatibilmente con le esigenze generali del laboratorio, il personale tecnico del DISI stabilirà degli orari di ricevimento per gli studenti per l'attivazione degli account, la segnalazione di guasti ed anomalie, la richiesta di informazioni e consulenze.

Al di fuori degli orari di ricevimento esposti, la segnalazione di guasti e/o anomalie, così come la richiesta di informazioni circa le modalità operative di apparecchiature e programmi dovrà avvenire esclusivamente mediante messaggi di posta elettronica. Unica eccezione ammessa sarà il caso di impossibilità tecnica di operare i programmi di posta elettronica, nel qual caso é consentito cercare i tecnici telefonicamente o personalmente. I messaggi di richiesta di intervento dei tecnici o di richiesta di informazioni dovranno essere indirizzati ad appositi account dedicati alla gestione dei servizi (per esempio, un account per le stampanti, un account per i computer del laboratorio SW-1, ecc.).

Sarà cura dei tecnici responsabili di intervenire quanto prima, compatibilmente con le altre esigenze di servizio. In ogni caso dopo la segnalazione del guasto l'utente dovrà pazientare che il personale tecnico possa trovare il tempo da dedicare alla soluzione del problema in base alla gravità del guasto rispetto alle priorità delle altre esigenze di servizio. Eventuali lamentele circa ritardi da parte dei tecnici nello smaltimento delle richieste di intervento provenienti dagli utenti o qualunque altro aspetto della organizzazione dei laboratori dovranno essere inoltrati alla commissione mezzi di calcolo (mediante messaggi di email all'account commissione-reclami@disi.unige.it).




Appendice: Dichiarazione di Responsabilità

Il sottoscritto (Nome, Cognome, numero di matricola,....)
dichiara di aver ricevuto personalmente in data odierna la parola chiave per l'accesso al proprio account individuale presso i laboratori didattici del DISI e si assume la responsabilità d'uso del medesimo. Il sottoscritto dichiara inoltre di aver preso visione del Regolamento che disciplina l'accesso ai laboratori didattici ed in particolare si impegna sulla propria personale responsabilità a:

  1. usare tutte le risorse per scopi strettamente legati all'attività didattica;
  2. non modificare in alcun modo l'allocazione delle risorse hardware e le configurazioni presenti sui sistemi;
  3. rispettare la privatezza delle informazioni, in particolare a non leggere stampare o diffondere materiale che sia da considerarsi privato (posta, codici, materiale stampato) e a non copiare materiale protetto da copyright;
  4. rispettare la sicurezza dei sistemi, e in particolare a non comunicare a nessuno la password del proprio account;
  5. evitare lo spreco di risorse sia materiali (carta, dischi, ecc.) che di elaborazione; in particolare a non sovraccaricare i sistemi con programmi incontrollati, a non usare giochi e/o programmi abusivi, e a non occupare inutilmente i posti di lavoro dei laboratori;
  6. non accedere a risorse non contemplate tra i privilegi del proprio account personale.
Il sottoscritto prende atto che:
  1. azioni quali copiare materiale protetto da copyright, carpire password, accedere a file e/o posta altrui, modificare messaggi di altri utenti e/o inviarli sotto falso nome, e simili, si possono configurare come reati penali secondo quanto previsto da L. n. 633 del 22/4/41, D.L. n. 518 del 29/12/92, D.L. n. 169 del 6/5/99, L. n. 248 del 18/8/2000 e dagli articoli 615, 617, 640 et al. del Codice Penale;
    quindi il direttore del DISI ed ogni dipendente DISI (inclusi dunque i tecnici) sono obbligati, rispettivamente, alla denuncia all'autorità giudiziaria e alla segnalazione al direttore (art. 331 C.P.);
  2. l'account e tutti i servizi relativi sono ad esclusivo uso didattico e perciò autorizza il personale a ciò preposto dal DISI ad accedere senza preavviso alla propria casella di posta elettronica ed ai propri files, ogniqualvolta ciò si renda opportuno per esigenze di sicurezza e per garantire la corretta gestione del sistema.
Manleva inoltre, per quanto possa occorrere, il DISI e l'Università degli Studi di Genova da ogni responsabilità dovuta ad utilizzo irregolare o illegale del servizio da parte sua.

Infine, il sottoscritto autorizza espressamente, ai sensi della legge n. 675 del 1996, l'inserimento dell'indirizzo di posta elettronica collegato al suo account in liste formate, detenute ed utilizzate da strutture dell'Università di Genova per finalità didattiche o comunque collegate alla fornitura dei servizi erogati dall'Ateneo.

Data e Firma